Image

Cancro al pancreas: segni e manifestazioni, quanto tempo vivono, come trattare

Il tumore al pancreas è una forma abbastanza aggressiva di tumori maligni ed è molto diffuso. Non ci sono differenze geografiche nella frequenza del suo verificarsi, ma è noto che i residenti dei paesi industrializzati si ammalano più spesso.

Tra tutti i tumori maligni, il cancro del pancreas rappresenta non più del 3%, ma in termini di mortalità questo tipo di tumore occupa un sicuro quarto posto, il che lo rende molto pericoloso. Inoltre, ogni anno il numero di casi in diversi paesi continua a crescere costantemente.

Si ritiene che la malattia sia ugualmente comune negli uomini e nelle donne, tuttavia alcune fonti indicano che tra gli uomini malati ce ne sono leggermente di più. Forse questo è dovuto alla maggiore prevalenza di cattive abitudini (in particolare, il fumo) tra i maschi.

Come molti altri tumori, il cancro del pancreas colpisce prevalentemente la parte anziana della popolazione e si verifica in pazienti di età superiore ai 60 anni. A questa età, i meccanismi naturali della protezione antitumorale si riducono, si accumulano varie mutazioni spontanee e i processi di divisione cellulare vengono disturbati. Vale anche la pena notare che la maggior parte delle persone anziane ha già cambiamenti patologici nella ghiandola (pancreatite, cisti), che contribuiscono anche alla crescita del cancro.

Molto spesso, la presenza di un tumore non è accompagnata da alcun sintomo specifico e i pazienti si lamentano già in casi ben precisi della malattia. In parte a causa di questo non sempre i buoni risultati della terapia e la prognosi infausta.

Il cancro della testa pancreatica rappresenta più della metà di tutti i tumori di questa localizzazione. Fino a un terzo dei pazienti ha una lesione totale del pancreas. Le manifestazioni del tumore sono determinate da quale reparto è localizzato, ma i primi sintomi compaiono quando viene colpita la testa del pancreas.

Cause del cancro

Le cause del cancro del pancreas sono diverse e i fattori che contribuiscono sono piuttosto comuni tra la popolazione.

I principali fattori di rischio per i tumori pancreatici possono essere considerati:

  • il fumo;
  • Caratteristiche alimentari;
  • La presenza di malattie della stessa ghiandola - pancreatite, cisti, diabete;
  • Malattie delle vie biliari;
  • Fattori ereditari e mutazioni geniche acquisite.

Il fumo provoca lo sviluppo di molti tipi di tumori maligni, tra cui il cancro del pancreas. Gli agenti cancerogeni, entrando nei polmoni con il fumo inalato, sono trasportati con il sangue in tutto il corpo, realizzando il suo effetto negativo in vari organi. Nel pancreas, i fumatori possono rilevare iperplasia dell'epitelio duttale, che può essere una fonte di trasformazione maligna in futuro. Forse, con la diffusione più frequente di questa dipendenza tra gli uomini, c'è un tasso di incidenza leggermente più alto tra di loro.

Le abitudini alimentari contribuiscono in misura limitata alla sconfitta del parenchima pancreatico. Abuso di cibi grassi e fritti, l'alcol provoca un'eccessiva secrezione di enzimi digestivi, dilatazione dei dotti, ristagno in essi di un segreto con infiammazione e danno al tessuto ghiandolare.

Malattie croniche del pancreas, accompagnate da infiammazione, atrofia delle isole, proliferazione del tessuto connettivo con compressione dei lobuli (pancreatite cronica, diabete mellito, cisti dopo infiammazione acuta o necrosi, ecc.) Sono condizioni che aumentano il rischio di cancro più volte. Nel frattempo, la pancreatite cronica si trova nella maggior parte delle persone anziane e può anche essere un substrato per il diabete di tipo 2, in cui il rischio di carcinoma raddoppia.

pancreatite e altre malattie croniche del tratto gastrointestinale possono riguardare condizioni precancerose

Le malattie delle vie biliari, per esempio, la presenza di calcoli nella cistifellea, la cirrosi epatica impediscono il normale svuotamento dei dotti pancreatici, che porta al ristagno della secrezione, danni alle cellule epiteliali, infiammazione secondaria e sclerosi, e questo può fare da sfondo allo sviluppo del cancro.

Il ruolo dei fattori ereditari e dei disordini genetici continua ad essere esplorato. Sono noti casi familiari di malattia e oltre il 90% dei pazienti mostra una mutazione del gene p53 e K-ras. Lo studio delle anomalie genetiche nel cancro del pancreas non viene portato avanti nella popolazione, tuttavia questa possibilità potrebbe presto apparire, il che faciliterà la diagnosi precoce della malattia, specialmente con una storia familiare sfavorevole.

Poiché il carcinoma si verifica, di regola, in tessuti già modificati, processi come l'adenoma (tumore ghiandolare benigno), la pancreatite cronica e le cisti pancreatiche possono essere considerati precancerosi.

Come si può vedere, gli effetti avversi esterni giocano un ruolo importante nella genesi del cancro, a cui la maggior parte di noi non attribuisce importanza, mentre regole semplici come una dieta equilibrata, uno stile di vita sano, l'eliminazione delle cattive abitudini aiutano notevolmente a mantenere un pancreas sano, anche in vecchiaia.

Caratteristiche della classificazione dei tumori pancreatici

struttura del pancreas

Il pancreas è molto importante non solo per il corretto funzionamento del sistema digestivo. Come sapete, fornisce anche funzioni endocrine, producendo ormoni, in particolare insulina, glucagone, ecc.

La maggior parte dell'organo è formata da tessuto ghiandolare che produce enzimi digestivi e la funzione endocrina viene eseguita da cellule specializzate raggruppate nelle cosiddette isole di Langerhans.

Poiché la parte principale del pancreas è rappresentata dal parenchima esocrino, molto spesso diventa una fonte di cancro.

La classificazione dei tumori maligni del pancreas si basa sulla loro struttura istologica, posizione, grado di danno all'organo, linfonodi, ecc. Sulla base di tutti i sintomi elencati, viene anche stabilito lo stadio della malattia.

A seconda della struttura istologica, si distinguono diversi tipi di neoplasie:

  1. adenocarcinoma;
  2. tsistadenokartsinoma;
  3. Carcinoma a cellule squamose;
  4. Carcinoma a cellule acinose.

Questi tipi sono caratteristici della ghiandola esocrina e la forma più comune è l'adenocarcinoma di vari gradi di differenziazione, che si verifica in oltre il 90% dei casi.

Il tumore del dipartimento endocrino viene diagnosticato molto meno frequentemente e la sua varietà è determinata dal tipo da cui provengono le cellule endocrine (insulinoma, glucagonoma, ecc.). Questi tumori, di regola, non sono maligni, ma a causa dell'attività ormonale e della possibilità di crescita di dimensioni considerevoli, possono portare a effetti avversi significativi.

Tradizionalmente, il sistema TNM è usato per classificare il cancro, tuttavia, è usato solo per i tumori della ghiandola esocrina. Sulla base dei dati che caratterizzano il tumore (T), il danno ai linfonodi (N) e la presenza o assenza di metastasi (M), le fasi della malattia sono evidenziate:

  • IA - caratterizza un tumore fino a 2 cm, situato all'interno della ghiandola, i linfonodi non sono interessati e le metastasi distanti sono assenti;
  • IB - la neoplasia supera i 2 cm, ma è ancora localizzata nella ghiandola, senza andare oltre i suoi confini; le metastasi ai linfonodi e agli organi distanti non sono caratteristici;
  • IIA - le neoplasie si estendono oltre il pancreas, ma i grandi tronchi arteriosi (celiaci, arteria mesenterica superiore) rimangono intatti; metastasi a questo stadio non vengono rilevate;
  • IIB - un tumore fino a 2 cm o più, può andare oltre i confini dell'organo, non crescendo nei vasi, ma vengono rilevate metastasi nei linfonodi vicini;
  • III - il tumore viene introdotto nel tronco celiaco, nell'arteria mesenterica superiore, sono possibili metastasi linfatiche regionali, ma non ce ne sono distanti;
  • Stadio IV - il grado più grave di lesione tumorale, accompagnato dall'identificazione di metastasi a distanza, indipendentemente dalla dimensione del tumore stesso, dalla presenza o dall'assenza di cambiamenti nei linfonodi.

Come ogni altro tumore maligno, il cancro del pancreas tende a diffondersi in tutto il corpo sotto forma di metastasi. La via principale è linfatica (con flusso linfatico) e i linfonodi dell'area dell'organo, celiaci, mesenterici, retroperitoneali sono più spesso interessati.

metastasi del cancro del pancreas al fegato

La via ematogena è realizzata dal sistema circolatorio, con metastasi che possono essere rilevate nei polmoni, nelle ossa e in altri organi e caratterizzano un processo molto avanzato. Le metastasi epatiche sono rilevate in circa la metà dei pazienti e possono anche essere scambiate per cancro al fegato senza essere.

Poiché il pancreas è coperto su tre lati con il peritoneo, quando il tumore raggiunge la sua superficie, le cellule tumorali si diffondono sulla copertura sierosa della cavità addominale - carcinomatosi, che è la base della via di impianto di disseminazione.

Manifestazioni di tumori pancreatici

Non ci sono sintomi specifici del cancro del pancreas e spesso i segni di un tumore sono causati da un danno agli organi adiacenti della cavità addominale durante la germinazione da parte del loro neoplasma.

Tali primi sintomi come un cambiamento nelle preferenze di gusto, perdita di appetito o debolezza non costringono sempre il paziente a vedere immediatamente un medico, in quanto possono essere attribuiti a molte altre malattie.

Spesso il tumore cresce per un periodo piuttosto lungo, non provoca alcuna ansia nel paziente stesso, ma dopo una dettagliata domanda risulta che non tutto va bene con il tratto gastrointestinale. Il fatto è che il più delle volte il cancro colpisce gli anziani, che hanno determinate malattie dell'apparato digerente, e quindi i sintomi delle anomalie negli organi addominali non sono infrequenti, sono comuni e possono rimanere nelle fasi iniziali senza un'adeguata attenzione.

l'ittero è un sintomo di disturbo caratteristico di varie malattie gastrointestinali

Le manifestazioni del cancro del pancreas dipendono non solo dallo stadio della lesione, ma anche dalla posizione del tumore nell'organo. Più spesso trovato:

  1. Dolore addominale;
  2. ittero;
  3. Nausea e vomito;
  4. Debolezza, diminuzione dell'appetito;
  5. Perdita di peso

La particolarità delle lesioni del parenchima della ghiandola è la tendenza dei pazienti alla trombosi di varia localizzazione, che è associata ad un eccesso di enzimi proteolitici nel sangue che interrompono il lavoro coordinato dei sistemi di coagulazione e anticoagulazione.

Tutte le manifestazioni del cancro possono essere raggruppate in tre fenomeni:

  • L'otturazione è associata alla germinazione dei dotti biliari, l'intestino, il dotto del pancreas stesso, che è irto di ittero, aumento della pressione nei dotti biliari, una violazione del passaggio delle masse alimentari nel duodeno;
  • Ontossicità - associata alla progressione del tumore e al rilascio di vari prodotti metabolici, nonché a una violazione dei processi di digestione nell'intestino tenue a causa della mancanza di enzimi pancreatici (perdita di appetito, debolezza, febbre, ecc.);
  • Il fenomeno della compressione è dovuto alla compressione dei tronchi nervosi del sito tumorale, accompagnata dal dolore.

Poiché il dotto biliare comune e il dotto pancreatico si aprono insieme nel duodeno, il cancro della testa della ghiandola, comprimendosi e crescendo nei tessuti adiacenti, è accompagnato da un'ostruzione del flusso della bile con segni di ittero. Inoltre, è possibile sondare la colecisti ingrandita (sintomo di Courvosier), indicando la sconfitta della testa del pancreas.

Il cancro del corpo del pancreas è principalmente caratterizzato dal dolore, quando il dolore è localizzato nell'epigastrio, nella regione lombare, nell'ipocondrio sinistro e aumenta quando il paziente assume una posizione sdraiata.

Il cancro della coda del pancreas viene diagnosticato relativamente raramente ei sintomi compaiono solo in fasi avanzate. Di norma, questo è un forte dolore, e durante la germinazione di una vena splenica da parte di un tumore, è possibile la sua trombosi, così come un aumento della pressione nel sistema portale, che è irto di un aumento della milza e delle vene varicose dell'esofago.

I primi sintomi del cancro si riducono al verificarsi del dolore e in alcune settimane è possibile l'ittero.

Il dolore è il sintomo più frequente e più caratteristico, indipendentemente da dove si sviluppa la neoplasia. Una maggiore intensità accompagna il gonfiore del corpo ed è anche possibile quando un tumore cresce nel plesso nervoso e nei vasi. I pazienti descrivono il dolore in modi diversi: opaco, costante o acuto e intenso, localizzato nell'epigastrio, nell'ipocondrio destro o sinistro, che si estende nella regione interscapolare, circondando. Spesso il dolore si intensifica con errori nell'alimentazione (cibi fritti, speziati, grassi, alcolici), di notte e di sera, poi i pazienti assumono una postura forzata - sedendosi, sporgendosi un po 'in avanti.

Il dolore nel carcinoma pancreatico è simile a quelli in acuta o in esacerbazione di pancreatite cronica, osteocondrosi o dischi intervertebrali erniati, quindi ci possono essere casi di diagnosi tardiva del cancro.

germinazione e metastasi al duodeno

Una manifestazione molto significativa del cancro del pancreas è l'ittero, diagnosticata nell'80% dei pazienti con cancro della testa. Le sue cause sono la germinazione di un dotto biliare comune da parte di un tumore o la compressione da parte dei linfonodi ingranditi a causa di metastasi. La violazione del passaggio della bile nel duodeno porta ad un aumento della colecisti, l'assorbimento della bilirubina nel sangue attraverso la sua parete di pigmento biliare, e la pelle e le mucose diventano gialle. L'accumulo di acidi biliari nella pelle causa un intenso prurito e contribuisce alla comparsa di graffi, e i pazienti sono inclini a irritabilità, ansia, disturbi del sonno.

Non meno importanti sintomi di neoplasia pancreatica sono la perdita di peso e disturbi dispeptici: vomito, nausea, diarrea, perdita di appetito, ecc. La disgregazione dei processi digestivi è associata alla mancanza di enzimi normalmente prodotti dal pancreas esocrino e alla difficoltà nel flusso della bile. Inoltre, la natura delle feci cambia - steatorrea, quando le masse delle feci contengono quantità significative di grasso non stoppato.

Sintomi simili di dispepsia possono verificarsi con il cancro allo stomaco, specialmente quando il tumore si diffonde al pancreas. È possibile anche la situazione opposta: il cancro del pancreas cresce nella parete dello stomaco, portando alla rottura del contenuto, al restringimento dell'antro, ecc. Tali casi richiedono un'attenta diagnosi e la delucidazione della fonte primaria di crescita del neoplasma, poiché questo determinerà la futura strategia di trattamento e la prognosi.

Come risultato della sconfitta delle isole di Langerhans, i sintomi del diabete possono essere aggiunti ai sintomi descritti del tumore a causa della carenza di insulina.

Mentre il tumore progredisce, i sintomi generali dell'intossicazione aumentano, compare la febbre, i disturbi digestivi sono aggravati e il peso diminuisce bruscamente. In questi casi, viene diagnosticato un grave grado di danno al pancreas.

Forme rare di neoplasie della ghiandola endocrina si manifestano per sintomi caratteristici di disturbi a livello di uno o di un altro ormone. Quindi, gli insulinomi sono accompagnati da ipoglicemia, ansia, sudorazione, svenimento. La gastrina è caratterizzata dalla formazione di ulcere nello stomaco a causa dell'aumentata produzione di gastrina. I glucagonomi si manifestano con diarrea, sete e aumento della diuresi.

Come rilevare un tumore?

Rilevazione del cancro del pancreas non è un compito facile. Nelle prime fasi della sua individuazione è molto difficile a causa di sintomi scarsi e pochi e non specifici reclami. Spesso, i pazienti stessi rimandano una visita dal medico. Soffrendo a lungo con pancreatite cronica, processi infiammatori nello stomaco o nell'intestino, i pazienti cancellano i sintomi dei disturbi digestivi o del dolore su una patologia esistente.

La diagnosi della malattia inizia con una visita dal medico che esaminerà, palperà lo stomaco, scoprirà in dettaglio la natura dei disturbi e dei sintomi. Successivamente, saranno programmati esami di laboratorio e strumentali.

Sono richiesti esami del sangue generali e biochimici se si sospetta il cancro del pancreas e tali cambiamenti come:

  • Anemia, leucocitosi, aumento della VES;
  • Riduzione della quantità di proteine ​​totali e albumina, aumento della bilirubina, enzimi epatici (AST, ALT), fosfatasi alcalina, amilasi, ecc.

Un posto speciale è occupato dalla definizione di marcatori tumorali, in particolare, CA-19-9, tuttavia, questo indicatore aumenta significativamente solo nel caso di una massiva lesione tumorale, mentre nella prima fase del tumore potrebbe non cambiare affatto.

Tra i metodi strumentali per l'individuazione del cancro del pancreas vi sono l'alto valore diagnostico degli ultrasuoni, CT con contrasto, risonanza magnetica, biopsia con verifica morfologica della diagnosi.

Attualmente, la solita ecografia preferisce endoscopica, quando il sensore si trova nel lume dello stomaco o del duodeno. Una distanza così ravvicinata dal pancreas permette di sospettare un tumore, anche di piccole dimensioni.

Tra i metodi a raggi X, viene utilizzata la TC, così come la colangiopancreatografia retrograda, che consente di utilizzare un mezzo di contrasto per visualizzare il dotto escretore della ghiandola, che nei tumori sarà ristretto o non passabile in certe aree.

Differenze tra pancreatite e carcinoma pancreatico in tomografia computerizzata (sopra) e immagini di tomografia a emissione di positroni usando radiofarmaci (sotto)

Il metodo diagnostico più accurato può essere considerato una biopsia con puntura fine dell'ago, durante la quale viene raccolto un frammento di tumore per l'esame istologico. La biopsia è anche possibile con la laparoscopia diagnostica.

Per rilevare lesioni dello stomaco o dell'intestino, è possibile introdurre una sostanza radiopaca seguita da raggi X, fibrogastroduodenoscopia.

In termini di casi, la ricerca di radionuclidi (scintigrafia), così come le tecniche chirurgiche fino alla laparoscopia, vengono in aiuto dei medici.

Anche con l'utilizzo dell'intero arsenale dei moderni metodi di ricerca, la diagnosi di adenocarcinoma pancreatico è molto complessa e gli scienziati sono costantemente alla ricerca di metodi semplici e accessibili che possano essere sottoposti a screening.

È interessante notare che una vera svolta in questa direzione è stata fatta da uno studente di 15 anni di D. Andrak dagli Stati Uniti, il cui amico intimo della famiglia ha sofferto di cancro al pancreas. Andraka ha inventato un semplice test del cancro usando carta che assomiglia a quella usata per diagnosticare il diabete. Utilizzando una carta speciale impregnata di anticorpi anti-mesotelina secreta dalle cellule tumorali, possiamo ipotizzare la presenza di tumori con una probabilità superiore al 90%.

trattamento

Il trattamento del cancro del pancreas è un compito molto difficile per gli oncologi. Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte dei pazienti, in età avanzata, soffre di varie altre malattie che rendono difficile l'esecuzione dell'operazione o l'uso di altri metodi. Inoltre, il tumore viene rilevato, di norma, in stadi avanzati, quando la germinazione di grandi vasi e altri organi rende impossibile rimuovere completamente il tumore.

La mortalità postoperatoria è, secondo varie fonti, fino al 30-40%, che è associata ad un alto rischio di sviluppare complicanze. Traumatico nel suo ambito di applicazione, la necessità di rimuovere i frammenti intestinali, il dotto biliare e la vescica, così come la produzione di vari enzimi colpiti dalla ghiandola predispongono a scarsa rigenerazione, insolvenza delle cuciture, possibilità di sanguinamento, necrosi del parenchima della ghiandola, ecc.

La rimozione chirurgica del tumore rimane la principale e più efficace, tuttavia, anche in questo caso, con il set di circostanze più favorevole, i pazienti vivono per circa un anno. Con una combinazione di chirurgia, chemioterapia e radioterapia, l'aspettativa di vita può aumentare fino a un anno e mezzo.

I principali tipi di interventi chirurgici sono operazioni radicali e palliative. Il trattamento radicale comporta la rimozione della parte interessata della ghiandola insieme al tumore, un frammento del duodeno e del digiuno, l'antro, la cistifellea e la porzione distale del dotto biliare comune. Naturalmente anche i linfonodi e le fibre sono soggetti a rimozione. Nel caso del cancro del corpo e della coda della ghiandola, anche la milza è inclusa nell'intervento. È chiaro che con una tale operazione è difficile contare sul benessere e sulla completa guarigione, ma prolunga ancora la vita.

Opzione di chirurgia per il cancro della testa del pancreas. Organi evidenziati in grigio da rimuovere insieme a parte della ghiandola e del tumore

In rari casi di cancro totale, l'intero pancreas viene rimosso, tuttavia, successivamente lo sviluppo di diabete mellito grave, scarsamente suscettibile alla correzione dell'insulina, appesantisce in modo significativo la prognosi. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni dei pazienti operati con forme avanzate di cancro non supera il 10%.

Tali trattamenti come la chemioterapia e le radiazioni sono spesso usati in combinazione con la chirurgia, e il loro uso isolato viene effettuato solo in caso di controindicazioni per la chirurgia.

Quando la chemioterapia viene eseguita con più farmaci contemporaneamente, è possibile ottenere una certa regressione del tumore, ma la ricaduta è comunque inevitabile.

L'esposizione alle radiazioni viene effettuata sia prima che durante l'operazione, sia durante o dopo di essa, e il tasso di sopravvivenza del paziente è di circa un anno. C'è un'alta probabilità di reazioni di radiazione nei pazienti anziani.

La dieta per il cancro del pancreas comporta l'uso di alimenti digeribili che non richiedono la produzione di grandi quantità di enzimi. È necessario escludere dalla dieta cibi grassi, fritti, piccanti, carni affumicate, cibo in scatola, così come qualsiasi alcool, tè forte e caffè. Se il diabete si sviluppa, i carboidrati (confetteria, pasticcini, frutta dolce, ecc.) Dovranno essere abbandonati.

Molti pazienti che hanno trovato un cancro al pancreas sono inclini all'autoguarigione usando rimedi popolari, tuttavia, con forme così gravi di tumori maligni, è improbabile che siano efficaci, quindi dovresti preferire la medicina tradizionale, che, se non curata, allunga almeno la vita e allevierà la sofferenza.

Il tumore al pancreas è un tumore insidioso che è stato a lungo nascosto sotto la "maschera" della pancreatite o è completamente asintomatico. È impossibile prevenire il cancro, ma prevenirlo con l'aiuto di misure preventive per tutti, e questo richiede un'alimentazione corretta, uno stile di vita sano e visite regolari dal medico se ci sono segni di danni al pancreas.

Video: cancro al pancreas nel programma "Live Healthy!"

Video: cancro al pancreas nel programma "Informazioni più importanti"

Autore: medico-istologo Goldenshlyuger N.I.

Cancro al pancreas

I tumori e i tumori maligni del pancreas sono diffusi nel mondo. Ogni anno vengono registrati fino a 200.000 tumori maligni di nuova diagnosi del pancreas. Tale prevalenza attira l'attenzione di chirurghi e oncologi in tutto il mondo.

Tipi di tumori

Morfologicamente, il cancro del pancreas si sviluppa dal tessuto epiteliale, ematopoietico e linfoide. Nel 95% dei pazienti il ​​tumore si sviluppa dal tessuto epiteliale. Può essere rappresentato da adenocarcinoma, adenoma e cistoadenoma. L'adenoma e il cistoadenoma sono tumori benigni. Si distinguono per il lungo sviluppo e progressione, l'assenza di sintomi e una prognosi favorevole del corso.

In questo articolo saranno considerate le neoplasie maligne (cancro) del pancreas. Il codice per ICD-10 è C.25.

È importante!

Neoplasie maligne del tessuto ghiandolare

Il tessuto ghiandolare è un tipo di tessuto epiteliale. Pertanto, il cancro, sviluppato da cellule ghiandolari, si riferisce alla sezione dei tumori epiteliali. E la stessa crescita maligna è chiamata adenocarcinoma. Questo è il tipo di tumore più frequentemente rilevato - fino al 95% di tutti i tumori maligni. Nel pancreas, l'adenocarcinoma può svilupparsi:

  1. Dall'epitelio dei dotti escretori.
  2. Da cellule di acini (cellule ghiandolari proprie).

Inoltre, tali tumori maligni si sviluppano dal tessuto ghiandolare: cistoadenocarcinoma, cellula acinosa e carcinoma a cellule squamose. Sono rilevati solo nel 5% di tutti i pazienti.

Classificazione delle fasi di sviluppo dell'adenocarcinoma

Nella Federazione Russa, viene adottata una classificazione internazionale post-stadio del carcinoma pancreatico, basata sulla classificazione TMN:

  1. Stadio 1 - Il sito del tumore si trova all'interno del corpo, non supera i 2 cm. Non ci sono metastasi ai linfonodi regionali. Nessuna metastasi a distanza per organi. I sintomi in questa fase non sono osservati. La prognosi è favorevole
  2. Fase 2: il tumore invade il duodeno, il dotto biliare e il tessuto circostante. Nessuna metastasi ai linfonodi regionali. Nessuna metastasi a distanza per organi. Il paziente inizia a preoccuparsi dei primi sintomi. La prognosi è favorevole
  3. Fase 3: il tumore invade il duodeno, il dotto biliare e il tessuto circostante. C'è una singola metastasi in un linfonodo regionale. Nessuna metastasi a distanza per organi. Sintomi precoci osservati, prognosi dubbia.
  4. Stadio 4A - implica la germinazione del tumore nei tessuti e negli organi circostanti in violazione della loro funzione. Ci possono essere metastasi singole o multiple ai linfonodi regionali. Non ci sono metastasi a distanza negli organi. Preoccupato per i sintomi pronunciati, la prognosi è dubbia.
  5. Fase 4B - Mettere a tutti i pazienti che hanno focolai di metastasi a distanza verso organi e tessuti. Disturba i sintomi. La prognosi è sfavorevole.

Localizzazione di un tumore nel pancreas

Anatomicamente, il processo maligno del pancreas è localizzato:

  1. Nella testa - la patologia più comune (fino al 70% dei casi).
  2. Nel corpo e nella coda dell'organo - al secondo posto in termini di prevalenza (fino al 24%).
  3. Nel processo uncinato - la patologia più rara (fino al 6% dei casi).

Cause di adenocarcinoma

Un fattore eziologico patogeneticamente significativo non è stato ancora identificato, né il meccanismo per la trasformazione di cellule sane in cellule tumorali. Esistono ipotesi ipotizzate classificate come fattori predisponenti che contribuiscono allo sviluppo di cellule maligne.

Fattori predisponenti, il cui effetto è attualmente dimostrato nel corso di esperimenti scientifici:

  • Fumo. È stato dimostrato che i composti chimici contenuti nel tabacco hanno un effetto cancerogeno non solo sui polmoni, ma anche sul pancreas. I fumatori hanno 2-3 volte più probabilità di sviluppare tumori rispetto ai non fumatori.
  • Obesità e sovrappeso: peggiorano il decorso e la prognosi.
  • Lavoro a lungo termine presso le imprese industriali legate all'industria chimica.
  • Una storia di pancreatite cronica attuale a lungo termine in combinazione con diabete di tipo 1. I sintomi di queste malattie mascherano i sintomi del cancro per lungo tempo. Inoltre, la pancreatite peggiora la prognosi.
  • Eredità gravata - la presenza di tumori maligni nella famiglia immediata. È dimostrato che l'ereditarietà appesantita peggiora la prognosi.

Primi sintomi e segni

Come con qualsiasi tumore, non ci sono sintomi e manifestazioni specifiche del cancro del pancreas. Questo presenta un problema in termini di diagnosi precoce. Nelle prime fasi dello sviluppo, il cancro può essere sospettato solo durante una visita medica di routine per un numero di sintomi aspecifici. Senza la conferma di metodi di esame strumentali e di laboratorio, la diagnosi non può esistere.

I primi sintomi del cancro del pancreas:

  • Dolore con localizzazione predominante nella parte superiore dell'addome nell'epigastrio.
  • Sintomo di perdita di peso fino al completo esaurimento.
  • Sintomi dispeptic: perdita di appetito, diarrea, nausea, vomito.
  • Colorazione di ittero di sclera, mucose e pelle.
  • Cistifellea allargata palpabile.
  • Ascite.
  • Educazione al volume palpabile nell'area della proiezione del pancreas.
  • Minzione frequente.

Anche con una combinazione di diversi sintomi non si può parlare con piena fiducia sulla presenza di un processo maligno. Non sono specifici e sono presenti in altre patologie. Se disponibile, il medico ha il diritto di prescrivere ulteriori metodi strumentali di esame per il paziente, per la diagnosi precoce del tumore e la verifica della diagnosi.

Manifestazioni cliniche del cancro del pancreas nelle ultime fasi

Da soli, i pazienti cercano aiuto medico nelle ultime fasi quando i sintomi iniziano a disturbare. Di regola, questi sono dolori addominali di natura indefinita.

È importante! La posizione delle sensazioni più dolorose aiuta nella diagnosi differenziale topica. Nel cancro della testa del pancreas, il dolore è localizzato nell'area epigastrica o nella zona subcostale destra. Nel cancro del corpo e della coda, le ghiandole circondano l'addome superiore o epigastrico localizzato nell'ipocondrio sinistro con irradiazione nella parte bassa della schiena e della schiena.

Oltre al dolore, i sintomi e le manifestazioni del cancro del pancreas nelle fasi successive possono essere:

  • Cachessia immotivata.
  • Macchia di zafferano di sclera, membrane mucose e pelle. La colorazione itterica è dovuta alla compressione dei dotti biliari e, di conseguenza, una violazione del deflusso della bile. La bilirubina in eccesso circola nel sangue, dando una tinta gialla.
  • Vomito di cibo mangiato il giorno prima; sanguinamento gastrointestinale; gonfiore, eruttazione marcia. Questi sintomi si osservano solo negli stadi avanzati del cancro, quando il tumore inizia a invadere lo stomaco e il duodeno, interferendo con l'evacuazione del cibo.
  • Trombosi multipla delle vene superficiali e profonde.
  • Splenomegalia, ascite.

Diagnosi di laboratorio e rilevamento di marcatori tumorali

Nelle prime fasi di sviluppo, solo un test di laboratorio può confermare il cancro: un esame del sangue per la presenza di marcatori tumorali. Per il pancreas, questi sono carcinomionari (CEA) e anidride carbonica (antigeni CA-19-9).

Nelle fasi successive, oltre a questa analisi, conduci:

  • Analisi del sangue clinico generale, in cui una diminuzione dell'emoglobina e dei globuli rossi, un aumento del tasso di sedimentazione degli eritrociti.
  • Analisi biochimica - una violazione della composizione proteica del sangue, un aumento della fosfatasi alcalina e gammaglutamiltranspeptidasi.
  • Analisi delle urine: aumento del glucosio, comparsa di diastasi (amilasi pancreatica).

Metodi strumentali per la diagnosi del cancro

Metodi ad ultrasuoni

Prima di tutto, tutti i pazienti sono sospettati di avere il cancro. Sono considerati i più informativi e sono disponibili in quasi tutte le cliniche.

  • Esame ecografico della cavità addominale. Viene effettuato attraverso la pelle della parete addominale anteriore. Un sintomo diretto di un tumore è la presenza di una singola lesione volumetrica o di una cavità eterogenea con una linea netta tra la lesione e il parenchima normale. La testa e il corpo della ghiandola vengono visualizzati nel miglior modo possibile, pertanto i tumori di questa localizzazione nelle fasi iniziali sono più facili da diagnosticare rispetto ai tumori della coda. Con l'aiuto degli ultrasuoni è possibile rilevare una neoplasia di 1-2 cm Il metodo degli ultrasuoni consente di stimare la prevalenza del processo tumorale e la presenza di metastasi agli organi addominali. Sulla germinazione del cancro nel caso in cui vi è la germinazione delle cellule maligne nei vasi sanguigni e linfonodi adiacenti.
  • Scansione duplex di vasi pancreatici. Viene eseguito in tempo reale con il contrasto simultaneo. Consente di valutare il flusso sanguigno e il grado di vascolarizzazione della formazione del tumore e del parenchima, la relazione tra le strutture del corpo l'una rispetto all'altra. Questo studio è condotto su pazienti nei quali gli ultrasuoni hanno mostrato segni di crescita delle cellule tumorali nei vasi sanguigni e nell'aorta.
  • Ecografia endoscopica Una varietà di ultrasuoni percutanei convenzionali, solo qui utilizza un sensore endoscopico aggiuntivo. Questo sensore conduce attraverso l'esofago e lo stomaco nel lume del duodeno, da cui provengono i segnali. Il metodo è buono perché consente di diagnosticare tumori con un diametro di 5 mm o più, che non può essere rilevato con l'ecografia ordinaria. Inoltre, il medico valuta le condizioni degli organi e delle navi adiacenti per le metastasi.

Tomografia computerizzata in modalità spirale

Questo è il "gold standard di diagnosi". Lo studio è più efficace nel modello di miglioramento del contrasto endovenoso. Allo stesso tempo, una formazione cancerosa accumula selettivamente un contrasto di per sé, che consente di stimare la dimensione, la localizzazione e la prevalenza della patologia. Lo stato dei linfonodi regionali, il sistema dei dotti, i vasi sanguigni e gli organi adiacenti sono valutati usando CT. CT è un metodo altamente sensibile. Le metastasi, se presenti, si trovano nel 99% dei casi.

Imaging a risonanza magnetica

Usato come alternativa alla CT. Tuttavia, la risonanza magnetica presenta uno svantaggio: è difficile differenziare una neoplasia maligna da un focolaio infiammatorio. Spesso, viene eseguita la risonanza magnetica per visualizzare meglio i dotti.

Biopsia di aspirazione percutanea sotto il controllo di una sonda a ultrasuoni

Un metodo diagnostico invasivo che consente di prelevare materiale dall'area interessata per l'esame istologico. Il metodo è importante per determinare la morfologia della neoplasia e la decisione finale sulla sua buona qualità o malignità. Come risultato della biopsia, viene affrontata la questione della fattibilità della terapia di chemioterapia.

laparoscopia

Il metodo invasivo dell'ultima generazione, che consente agli oncologi di valutare lo stato del pancreas, i suoi dotti e gli organi adiacenti in tempo reale con i propri occhi. La conclusione sulla presenza di cancro viene data immediatamente in sala operatoria. Se è presente, la prevalenza, la localizzazione e le metastasi sono stimate.

Principi e direzioni del trattamento

Le direzioni degli effetti terapeutici sul processo del tumore:

  1. Chirurgico (radicale e palliativo).
  2. Radiazioni o chemioterapia.
  3. Combinato.
  4. Sintomatica.

Il tipo di trattamento è scelto individualmente. L'età del paziente, la presenza di patologia somatica concomitante, la morfologia del cancro e la sua prevalenza sono presi in considerazione. Valutare anche i sintomi delle presunte complicanze e localizzazioni. Tuttavia, nessuno di questi criteri è un'indicazione assoluta per la resezione. Indicazioni e controindicazioni per la chirurgia e le tattiche di trattamento sono selezionate individualmente da un medico.

Trattamento chirurgico

L'operazione per la rimozione radicale del pancreas viene effettuata rigorosamente secondo le indicazioni.

Controindicazioni assolute alla chirurgia radicale:

  • Proiezioni metastatiche nel fegato e nel peritoneo.
  • Screening di linfonodi metastatici non accessibili per la rimozione.
  • Germinazione delle metastasi delle vene venose per l'intero spessore del muro con la sua deformazione.
  • Coinvolgimento di grandi rami dell'aorta nel processo del cancro (tronco celiaco, arterie mesenterica superiore ed epatica).
  • Grave patologia somatica concomitante.

Il trattamento chirurgico coinvolge uno dei tre tipi di intervento chirurgico: resezione pancreatoduodenale, pancreatoduodenectomia totale o escissione della ghiandola distale.

Nel corso della resezione pancreatoduodenale, la testa e il processo uncinato con una parte dello stomaco, il dotto biliare comune e il duodeno vengono asportati.

L'escissione delle parti distali implica la rimozione di una delle parti della ghiandola (testa, corpo, coda, processo) con parte del dotto biliare, del duodeno e dello stomaco.

Con pancreatite totale, il pancreas viene resecato completamente con tutti i linfonodi, le fibre, i vasi, i legamenti adiacenti. Questa operazione viene eseguita molto raramente, poiché nell'esito del paziente vi è un enzima assoluto e un deficit ormonale.

Per quanto riguarda la chirurgia palliativa, viene eseguita per la maggior parte dei pazienti. I pazienti con sintomi di ittero ostruttivo, ostruzione intestinale e evacuazione di cibo disturbato sono particolarmente bisognosi di chirurgia palliativa. In questo caso, viene data preferenza alla consueta laparotomia, durante la quale la pervietà dei dotti biliari o del tratto gastrointestinale viene ripristinata imponendo una stomia. Inoltre, il chirurgo valuta la condizione dell'organo, l'estensione della lesione e la prevalenza del processo del cancro.

Il trattamento chirurgico è particolarmente indicato negli stadi avanzati del cancro. La prognosi della sopravvivenza aumenta di 5-7 volte. La prognosi media di sopravvivenza dopo l'intervento chirurgico è fino a 2 anni.

Radioterapia

Condotto prima o dopo l'intervento chirurgico o per alleviare il dolore. La radioterapia è anche indicata per il trattamento dei tumori nelle prime fasi, quando ci sono piccole lesioni. La terapia viene condotta in cicli di 5 settimane con dosi fisse di radiazioni. Nel corso del trattamento possono verificarsi nausea, vomito, debolezza, ma dopo aver completato il percorso, gli effetti collaterali scompaiono indipendentemente. La radioterapia migliora la prognosi della malattia, allevia i sintomi dolorosi dolorosi.

chemioterapia

Il trattamento viene effettuato con speciali farmaci chemioterapici che possono uccidere le cellule tumorali o rallentare la loro crescita. Ora è preferibile utilizzare combinazioni di diversi farmaci per ottenere l'effetto più rapidamente. La chemioterapia è condotta da corsi. Durante il trattamento, il paziente sente il bisogno di nausea e vomito, calvizie, ulcerazione delle mucose. Al termine del corso, questi effetti collaterali scompaiono. La chemioterapia migliora anche la prognosi della malattia e la sopravvivenza.

Il trattamento sintomatico viene eseguito in pazienti con tumori inoperabili, quando nessuno dei metodi sopra descritti può eliminare completamente il cancro. Migliora la qualità della vita, elimina i sintomi, migliora la prognosi della malattia nel suo complesso.

Previsioni: quanto puoi vivere

I tassi di sopravvivenza variano ampiamente e dipendono dallo stadio della malattia, quindi anche il medico curante non può dare una prognosi precisa. L'aspettativa di vita media per il cancro del pancreas è la seguente:

  • Dopo trattamento chirurgico radicale, la media di sopravvivenza media da 1 a 2,5 anni. Circa il 20% dei pazienti vive più di 5 anni.
  • Dopo la chirurgia palliativa, la chemioterapia e la radioterapia, se il paziente abbandona l'operazione, l'aspettativa di vita è fino a 1 anno. In media 6-8 mesi.

Cancro alla testa del pancreas

Il tumore al pancreas è una malattia grave appartenente al gruppo polimorfico di tumori maligni, la cui formazione avviene direttamente nella regione dei dotti acinici e del pancreas. Nella fase iniziale, questo disturbo non si manifesta affatto, ma al raggiungimento di determinati stadi di sviluppo, quando il tumore si metastatizza agli organi vicini, si verificano processi patologici irreversibili nel corpo, accompagnati da un quadro clinico pronunciato.

Il cancro della testa del pancreas nel 30% dei casi viene diagnosticato completamente per caso durante la visita medica profilattica. In altri casi, viene rilevato già in 3 o 4 fasi di sviluppo, quando i pazienti vanno dai medici a causa della presenza di sintomi pronunciati della malattia. Sfortunatamente, i medici non possono aiutare una tale persona malata. L'unica cosa che rimane in loro potere è ridurre la gravità dei sintomi e prolungare la vita del paziente per un po '. A rischio sono le persone di età compresa tra 50-60 anni. È durante questi anni di vita che il cancro viene diagnosticato più spesso negli esseri umani. Ciò è dovuto a vari motivi, tra cui i processi di invecchiamento che si verificano nel corpo. E nel 70% dei casi, il cancro è rilevato negli uomini. Gli scienziati confrontano questo con la presenza di cattive abitudini.

Qualche parola sulla patologia

Questa malattia è una delle più aggressive e prognosticamente sfavorevoli. Nonostante il fatto che fino ad oggi si dedicasse a una grande quantità di ricerche in vari campi (chirurgia, gastroenterologia, oncologia), sfortunatamente, nella maggior parte dei casi, il cancro del pancreas viene diagnosticato nella fase in cui la chirurgia radicale diventa impossibile.

I tumori maligni progrediscono rapidamente e consentono metastasi agli organi e ai tessuti vicini, causando la loro distrofia e disfunzione. E questo porta all'interruzione dell'intero corpo. La pratica a lungo termine mostra che le persone convivono con questa diagnosi per non più di 5 anni. La prognosi per il cancro è favorevole solo se la malattia è stata diagnosticata nelle prime fasi dello sviluppo, quando esiste la possibilità di resezione della parte interessata del pancreas. In questo caso, la persona ha tutte le possibilità di sbarazzarsi della malattia e vivere in una grande età avanzata.

Tipi di cancro alla testa del pancreas

Il cancro della testa pancreatica è rilevato nel 70% dei pazienti con questa malattia. Questa malattia ha diverse classificazioni, incluse quelle internazionali. Tra questi c'è la classificazione TNM, in cui ogni lettera ha i propri valori:

  • T è la dimensione del tumore;
  • N - presenza di metastasi nei linfonodi;
  • M - la presenza di metastasi negli organi lontani.

Tuttavia, questa classificazione è usata raramente oggi. Molto spesso, il cancro è classificato secondo le seguenti indicazioni:

  • il tipo di tessuti colpiti - la stragrande maggioranza dei tumori maligni si forma dall'epitelio dei dotti della ghiandola, molto meno spesso dai tessuti parenchimali;
  • crescita del tumore - diffusa, esofitica, nodulare;
  • secondo i segni istologici - cancro papillare, tumore mucoso, skirr;
  • per tipo - anaplastico o squamoso.

Le metastasi del cancro possono presentarsi linfogene ed ematogene, oltre che per contatto. Nei primi due casi, il tumore metastatizza su organi distanti: fegato, reni, ossa, ecc.; nel secondo, agli organi situati vicino allo stomaco, 12 duodeno, milza, ecc.

Cause dello sviluppo

Per la prima volta, il cancro è stato diagnosticato molti secoli fa. Da quel momento, gli scienziati sono stati attivamente alla ricerca delle sue cause e lo sviluppo di un farmaco che avrebbe aiutato a sospendere la crescita del tumore e prevenire la sua metastasi. Ma, sfortunatamente, finora non sono stati trovati né la causa né i farmaci.

Si ritiene che il cancro sia una malattia che si forma sotto l'influenza a lungo termine sul corpo di fattori negativi, e diversi contemporaneamente. Il più delle volte si verifica in persone che fumano per diversi anni e abusano di bevande alcoliche, così come di quelli che non controllano la loro dieta e espongono costantemente il pancreas a carichi eccessivi.

Come gli scienziati ritengono, varie malattie possono anche essere un impulso per lo sviluppo del cancro del pancreas (sono diagnosticate in parallelo a questa malattia nel 90% dei casi):

  • malattie delle vie biliari;
  • colecistite;
  • cisti pancreatica;
  • pancreatite (sia in forma acuta che in forma cronica);
  • ulcera gastrica;
  • gastrite.

Un fattore importante in questo caso è l'ereditarietà. Se qualcuno della famiglia è stato precedentemente diagnosticato un tumore della testa del pancreas, il rischio che si verifichi nella prole aumenta più volte.

sintomi

Come accennato in precedenza, nella fase iniziale del cancro non ci sono sintomi. Non c'è sensazione di pressione, dolore o disturbi digestivi. La prima clinica si verifica solo nel momento in cui il tumore si trova nella terza fase del suo sviluppo. Di regola, durante questo periodo si verifica già una metastasi ed è impossibile aiutarlo in tale situazione.

E a proposito di quali sintomi del cancro del pancreas appaiono per primi, va notato che il principale segno del suo sviluppo è il dolore, che può essere localizzato, cioè manifestarsi in un posto (di solito nell'ipocondrio sinistro) e nel fuoco di Sant'Antonio - per dare alla parte bassa della schiena, stomaco, sterno, ecc.

L'emergenza della sindrome del dolore è dovuta al fatto che il tumore sta progressivamente crescendo e, aumentando di dimensioni, inizia a comprimere le terminazioni nervose. Per quanto riguarda la natura del dolore, è soprattutto dolorante. Tuttavia, se esposto a determinati fattori, come mangiare cibi grassi, alcol, stress, ecc., Diventa acuto.

Poiché il pancreas è l'organo principale della digestione, con la sua sconfitta marcata disturbi digestivi, che si manifestano sotto forma di:

  • nausea;
  • avversione agli alimenti grassi e all'alcool;
  • diarrea o stitichezza;
  • cambiamenti nella natura delle feci (contengono pezzi di cibo non digerito, c'è una lucentezza unta, che è causata da un malfunzionamento della ghiandola);
  • pesantezza allo stomaco dopo aver mangiato.

Anche lo sviluppo del tumore alla testa del pancreas è accompagnato da:

  • forte perdita di peso;
  • compromissione della memoria e concentrazione;
  • debolezza costante;
  • diminuzione della capacità lavorativa.

Nel cancro della testa della ghiandola di 3-4 gradi, il quadro clinico sopra descritto è completato dalle seguenti caratteristiche:

  • lo scolorimento delle feci e lo scarico di un forte odore putrido;
  • oscuramento delle urine;
  • ittero meccanico (caratterizzato da ingiallimento della pelle e sclera degli occhi);
  • un aumento del volume del fegato e del pancreas (notato durante la palpazione).

Nei casi in cui il tumore cresce in altri organi, vi è un alto rischio di apertura di sanguinamento interno gastrico o intestinale, ridotta funzionalità del muscolo cardiaco (possibile infarto miocardico e ictus) e sviluppo di anemia sideropenica.

diagnostica

All'ammissione primaria del paziente, il medico esamina il paziente, esamina la storia del paziente e chiede al paziente, concentrandosi sui sintomi che lo riguardano. Tuttavia, sulla base di tali dati per rendere la diagnosi corretta è molto difficile. In effetti, le manifestazioni cliniche del cancro sono abbastanza simili alle caratteristiche dei sintomi di altre malattie del pancreas.

Per la diagnosi assegnata a condurre una varietà di studi di laboratorio e strumentali. Prima di tutto, fai un esame del sangue clinico. Con lo sviluppo di processi patologici nel corpo, viene rilevato un aumento del contenuto di leucocitosi e trombocitosi nel sangue. Vengono eseguiti anche test biochimici che rivelano il livello di bilirubina diretta, AST e ALT.

Per eventuali deviazioni dalla norma, il medico prescrive un esame più dettagliato, che include:

  • intubazione duodenale con esame citologico del succo duodenale;
  • caprogramma (quando viene eseguito, il livello di urobilina e stercobilina nelle masse delle feci si riduce a zero e la steatorrea e la creatore aumentano più volte);
  • ecografia (esaminare non solo il pancreas, ma anche la cistifellea);
  • Risonanza magnetica del pancreas;
  • MSCT di tutti gli organi addominali;
  • colangiopancreatografia retrograda endoscopica.

La conduzione di questi metodi di ricerca può identificare non solo la presenza di un tumore maligno, ma anche la posizione esatta della sua localizzazione, nonché valutare il funzionamento della ghiandola, i dotti pancreatici e biliari e rilevare la presenza di metastasi in altri organi.

Molto spesso, per la diagnosi, viene utilizzato l'ecografia endoscopica, che viene utilizzata per determinare il tipo di tumore, il grado di crescita, la deformazione dei vasi e i linfonodi regionali. In alcuni casi, viene effettuata una biopsia o una laparoscopia diagnostica per fare una diagnosi.

trattamento

Il trattamento del carcinoma della testa del pancreas viene effettuato nei seguenti modi:

  • un intervento chirurgico;
  • la chemioterapia;
  • di radiologia;
  • combinato (utilizza diversi metodi contemporaneamente).

Il trattamento più efficace per il cancro è la chirurgia. Usalo solo nelle prime fasi della malattia. Viene eseguito con il metodo della resezione pancreatoduodenale. Raramente, come terapia, vengono utilizzate le operazioni per preservare le funzioni del tratto gastrointestinale - rimozione del pancreas con conservazione della zona pilorica, duodeno, tratto escretrico delle vie biliari e milza. Quando si esegue la chirurgia pancreatoduodenale, viene eseguita la resezione non solo della parte interessata del pancreas, ma anche dei vasi circostanti e dei linfonodi regionali.

Nel caso di carcinoma di 3-4 gradi, i metodi sopra descritti non si applicano. In tali situazioni, viene utilizzata la chirurgia palliativa, con l'aiuto di cui viene eliminato l'ittero, viene ripristinato il processo di spostamento della massa alimentare attraverso l'intestino e l'arresto delle sensazioni dolorose. In alcuni casi, i medici durante l'esecuzione di questa procedura possono ripristinare la funzionalità della ghiandola. Per raggiungere tali risultati, durante l'intervento chirurgico viene utilizzato un intervento chirurgico di bypass o stenting transepatico percutaneo.

Dopo il trattamento chirurgico del carcinoma della testa del pancreas, viene eseguita la radioterapia. È prescritto per un periodo di 2-3 settimane. Sono disponibili le seguenti indicazioni:

  • ulcera gastrointestinale di qualsiasi origine;
  • leucopenia;
  • metastasi tumorale alle navi;
  • cachessia;
  • ittero ostruttivo persistente.

Il trattamento radiologico è usato per:

  • tumore inoperabile dopo l'intervento chirurgico per eliminare l'ostruzione dei dotti biliari;
  • cancro localmente avanzato;
  • recidiva del cancro.

Prognosi e prevenzione

Il cancro della testa del pancreas è una malattia pericolosa che ha una prognosi infausta. E dire esattamente per quanto tempo puoi vivere con questo disturbo, è impossibile, dal momento che ogni caso è individuale.

Secondo studi scientifici, per il cancro della testa pancreatica del 2o stadio, la sopravvivenza a 5 anni dopo il trattamento chirurgico è del 50%, per il cancro di 3-4 stadi, i pazienti vivono non più di 6 mesi. Ciò è dovuto al fatto che in tali fasi dello sviluppo della malattia gli interventi chirurgici vengono eseguiti molto raramente - solo nel 10% -15% dei casi. In altre situazioni, viene utilizzata solo la terapia palliativa, la cui azione è volta ad eliminare i sintomi della malattia. E parlando in generale, i risultati di qualsiasi metodo di trattamento per cancri di 2, 3 e 4 gradi sono insoddisfacenti.

Le dinamiche positive sono raggiunte solo se il cancro viene rilevato nelle fasi iniziali del suo sviluppo. Ma, sfortunatamente, come mostrano le statistiche, il trattamento della malattia nella 1a fase viene eseguito molto raramente (solo nel 2% dei pazienti), poiché si rivela estremamente raramente.

Per quanto riguarda le misure preventive, includono:

  • trattamento tempestivo delle patologie del tratto gastrointestinale;
  • nutrizione equilibrata e razionale;
  • rifiuto di cattive abitudini;
  • esercizio moderato

Ricorda, il tumore alla testa del pancreas progredisce molto rapidamente e colpisce tutti gli organi e i tessuti circostanti. Pertanto, al fine di evitare la morte, il trattamento della malattia deve essere affrontato sin dai primi giorni del suo verificarsi. E al fine di rilevare il cancro nel tempo, è necessario condurre una visita medica profilattica ogni 6-12 mesi.